:: NO_WAR_IN_IRAQ ::

GUERRA A BAGDAD_ favorevoli e contrari si fanno guerra sul Web. E voi? Come la pensate?
:: welcome to NO_WAR_IN_IRAQ Black :: bloghome | SCRIVI |
LASCIA UN COMMENTO ::
Blog segnalato da IlMessaggero
[::..archive..::]
[::..LINK..::]
:: Webcam su Bagdad[>]
:: inVisibile [>]
:: Giornalarisinasce [>]
:: GaffedisOnorevoli[>]
:: GuerraDimenticata[>]
:: Diario da Kabul [>]
:: Chatmania [>]
:: la Tribu' [>]
:: Dietro il Tg [>]
:: CnnItalia [>]
:: Aljazira [>]
:: Asharqalawsat [>]
:: IslamWeb [>]
:: laRepubblica.it [>]
:: NandoTimes [>]
:: Janes.com [>]
:: WorldNews [>]
:: WarNews [>]
:: Emergency [>]
::TACCUINO
20 MARZO
Alle 3,40 ora locale iniziano i bombardamenti su Baghdad
Cronologia degli eventi
I discorsi di Bush e Saddam
27 GENNAIO
Il capo ispettore Hans Blix presenta all'Onu il suo rapporto
29 GENNAIO
Il Consiglio di Sicurezza Onu discute il rapporto Hans Blix
31 GENNAIO
Blair incontra Bush a Camp David per colloqui sull'Iraq
IN PILLOLE
La risoluzione 1441 approvata dall'Onu il 4/11/02 sottolinea che l'Iraq e' e rimane in ''violazione materiale'' degli obblighi imposti dalle precedenti risoluzioni e offre a Bagdad l'ultima opportunita'

Sara' considerata un'ulteriore violazione qualsiasi inteferenza nelle ispezioni, ma anche qualsiasi falsita' od omissione contenuta nel rapporto iracheno consegnato il 7 dicembre
CHI E'HANS BLIX: L'UOMO CHE HA LE CHIAVI DELLA GUERRA
Uno dei due capi ispettori. Svedese, avvocato, tre lauree in diritto internazionale conseguite in tre nazioni (Szevia, Usa e Inghilterra), lavora nella diplomazia svedese e internazionale dal 1963. Leggi [>]
MAPPA
La mappa interattiva del conflitto [>]
DAL SATELLITE
Bagdad in diretta dallo spazio[>]
IL TESTO DELLA RISOLUZIONE ONU 1441
Venerdi' 8 novembre 2002, intorno alle 10.00 ora di New York, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato all'unanimita' la risoluzione 1441 (2002) che impone all'Iraq le nuove condizioni per la ripresa delle ispezioni sui suoi armamenti di distruzione di massa.
Leggi IL TESTO[>]

:: Saturday, January 25, 2003 ::

POWELL: ALMENO 12 PAESI SOSTENGONO L'ATTACCO
Il Segretario di Stato americano ha affermato che almeno 12 governi sosterrebbero gli Usa se decideranno di attaccare l'Iraq senza una nuova risoluzione dell'Onu.
''C'è un numero di paesi - ha dichiarato Powell al Forum Economico Mondiale di Davos - che hanno già indicato che preferirebbero un'altra risoluzione, ma senza di essa saranno con noi.. non voglio darvi i nomi o contarli... ma non saremo soli, questo è sicuro'' . Powell non ha fornito indicazioni su quanto tempo Bush sia pronto ad aspettare prima di decidere se attaccare l'Iraq, ma ha lasciato intendere che ciò non avverrà priam del suo incontro a Camp David con il premier britannico Tony Blair il 31 gennaio.
Intanto c'è grande attesa per il discorso sullo Stato dell'Unione del 28 gennaio. Secondo il Los Angeles Time, che cita il direttore delle Comunicazioni della Casa Bianca Dan Bartlett, George Bush dirà agli Stati Uniti di prepararsi per la guerra, ma non si spingerà fino a dichiararla.
I progetti del Pentagono prevedono che, all'inizio della guerra contro l'Iraq, probabilmente in marzo, vengano lanciati tra i 300 e i 400 missili Cruise al giorno, più di quanti ne vennero lanciati in tutta la Guerra del Golfo del 1991, secondo quanto ha riferito venerdì sera la Cbs.

Europei divisi sull'ipotesi di una guerra contro l'Iraq. I capi della diplomazia Ue si riuniranno lunedì a Bruxelles per cercare di determinare un minimo comune denominatore fra le posizioni contrapposte di Germania e Francia da un lato, Regno Unito, Spagna e Italia, vicini agli Usa, dall'altro.
Putin e Chirac hanno concordato sulla necessità di cercare ancora «una soluzione politica» alla questione irachena, nel quadro «del Consiglio di sicurezza dell'Onu». Berlusconi ha ribadito che non c'è nessuna chiamata in guerra oper l'Italia ma ''gli Usa ci considerano tra i Paesi amici ed alleati''. Il premier ha inoltre dichiarato che la riunione Ue per trovare una posizione comune contro la guerra non si dovrebbe fare vista la posizione di Germania e Francia.
Una trentina di deputati del Parlamento europeo dei gruppi socialista, Verdi e sinistra unita saranno a Baghdad «il 2 o il 3 febbraio» per manifestare la loro ostilità alla guerra minacciata dagli Stati Uniti.

:: laura 4:36 AM [+] ::
...

This page is powered by Blogger. Isn't yours?